Curare una Pulpite

Che cos'è?: la pulpite è una patologia della polpa dentaria dovuta, nella maggior parte dei casi, da carie profonde che espandendosi non si limita ad intaccare smalto e dentina, ma va a danneggiare anche l'interno del dente andando a colpire la parte più profonda e vascolarizzata dello stesso, ovvero la polpa (o nervo). Molte volte però quest'infezione degenera completamente espandendosi ulteriormente e rischiando di degenerare in patologie che se non diagnosticate in tempo potrebbero portare a conseguenze gravi. Una di queste è il granuloma dentale, infiammazione cronica della parte terminale della radice del dente e dei suoi tessuti circostanti che spesso risulta essere asintomatica e perciò diagnosticabile solo tramite radiografia. La causa dell'insorgenza del granuloma è di tipo infettivo, ovvero è il risultato della reazione del nostro corpo ad un attacco battericida proveniente dall'esterno, che lo rende più vulnerabile, favorendo il proliferare di batteri che trovano terreno fertile nel dente con assenza pulpare o con necrosi dei tessuti in seguito ad una devitalizzazione. Analoga al granuloma la cisti dentaria è una complicanza infettiva tipica della necrosi pulpare che non presenta sintomi immediati, rallentando così la prognosi. Come per gli ascessi (vedi ascesso) le cisti in base a casi e gravità richiedono tipologie di intervento differenti come il drenaggio delle stesse o la rimozione chirurgica (apicectomia).

Come si cura?: il trattamento per la cura della pulpite prende il nome di devitalizzazione o cura canalare. Consiste nella distruzione e rimozione della polpa dentaria compromessa con successiva otturazione che prevede la sigillazione del canale pulpare per impedire un'eventuale diffusione batterica che rischia di estendersi nelle sedi circostanti. Obbiettivo principale di questo tipo di trattamento, inserendosi appunto all'interno dell'odontoiatria conservativa, è quello di permettere di intervenire sul dente evitandone l'estrazione che si cerca di escludere fino alla fine, quando il dente muore andando incontro a necrosi.

Tecniche e metodi di trattamento: la devitalizzazione è un intervento che viene effettuato in anestesia locale con isolamento dei denti contigui a quello sottoposto ad esame per proteggerli da eventuali scorie che possono crearsi durante l'intervento. La corona del dente viene forata per permettere alla lima canalare (strumento endodontico apposito) di accedere alla polpa dentaria danneggiata che in questa fase viene rimossa insieme ad eventuali residui batterici. In fase terminale il canale radicolare viene disinfettato e riempito con un materiale in resina chiamato guttaperca che permette di isolare il canale appena curato. Il dente così viene ricoperto da un'otturazione temporanea che permette la protezione del dente da eventuali agenti battericidi. L'operazione termina nel momento in cui viene inserito nel dente un perno definitivo all'interno del canale, che permetterà il posizionamento di una corona protesica (capsula) che funziona da copertura del dente.

Dolore e controindicazioni: il dolore derivato da pulpite è rilevabile non tanto per quanto riguarda l'intervento che ne permette la cura (poiché effettuato in anestesia locale), ma piuttosto per ciò che riguarda i sintomi della patologia. Infatti, sviluppandosi la pulpite da una carie profonda ed invasiva, tutti i tessuti circostanti ne risultano coinvolti e danneggiati provocando nel paziente un forte mal di denti e alterazioni del normale funzionamento del cavo orale come ipersensibilità e alitosi.

Laser utilizzato per il trattamento:  grazie all'utilizzo del laser a diodi durante l'intervento, una volta pulito il canale dentale, si possono eliminare e ridurre i batteri presenti disinfettando la zona e permettendo un'azione migliore anche per quanto riguarda la chiusura del canale poiché viene impedita la proliferazione batterica. Effetti benefici si possono riscontrare anche nel trattamento post-operatorio che risulta essere meno fastidioso e più snello, rispetto ai metodi tradizionali, consentendo la diminuzione dei tempi ed aumentando le possibilità di successo nella prognosi.

A chi rivolgersi per Richiedere Info o Fissare una Visita?
Presso i Dentisti o i Centri Dentali Laser selezionati dal Nostro Portale, specializzati nella cura delle Pulpitiè possibile curare questo tipo di patologia.
Abbiamo Selezionato per Voi Medici Odontoiatri in tutta Italia:



Ultime Richieste su PULPITE Ricevute al:  24/09/2017
 


Richiedi Informazioni su come curare una Pulpite >>


 

Richiesta informazioni 

Voglio essere richiamato

Richiesta urgente (Cosa significa?)
Invia richiesta GRATIS

Newsletter